Lavorare meno, lavorare tutti

comizio

Un vecchio slogan sessantottino è il succo del ragionamento di Pierre Carniti, che di quella stagione fu protagonista e che stamattina, in occasione della presentazione del volume Pensiero, azione, autonomia, a lui dedicato, ha ribadito l’attualità di quelle parole. Per affrontare la trasformazione tecnologica in atto e le sue conseguenze negative in termini di occupazione e livelli di reddito, non si può prescindere, secondo Carniti, da una riduzione degli orari di lavoro. In platea ad assistere, nonostante i pressanti impegni di queste ore, il Presidente Mattarella; sul palco, tra gli altri, Romano Prodi.

sciopero

Riformista doc, ex senatore ed ex deputato europeo, tra i pochi ad occuparsi di povertà nell’Italia dei ruggenti anni ’90, il nome di Carniti è tuttavia legato soprattutto alle vicende del sindacalismo italiano nel periodo di massima forza contrattuale. Fu giovane allievo della scuola di formazione CISL e dirigente di spicco dei metalmeccanici FIM negli anni ’50 e ’60, segretario della FIM dal 1970 al 1974 e poi della CISL dal 1979 al 1985, leader dell’Autunno caldo e sostenitore nel 1984 del cosiddetto decreto di San Valentino sulla scala mobile, su cui l’anno dopo si sarebbe svolto uno storico refendum. Sempre in tema di consultazioni referendarie, nel 1974 si schierò apertamente, con altri cattolici democratici, per il No all’abrogazione della legge sul divorzio, e più recentemente ha detto No anche alla riforma costituzionale proposta dal governo Renzi, definendola un pasticcio.

flm

Il volume presentato oggi – oltre cinquecento pagine che comprendono diversi contributi illustri e un lungo saggio biografico – celebra gli ottant’anni di Carniti, il quale, a dispetto dell’età, dimostra una grinta che ricorda quella dei giorni migliori. Di quel tempo sono una testimonianza le foto riprodotte qui sopra. Per approfondire il suo pensiero in materia di lavoro e riduzione dell’orario, leggete un sua brillante digressione storica, “La disoccupazione tra chiacchiere ed indifferenza”, pubblicata un paio di anni fa sulla rivista on-line Eguaglianza e Liberta, di cui è stato a lungo direttore. Sul sito troverete anche la già citata presa di posizione sul recente referendum costituzionale e numerosi altri interessanti articoli, suoi e non solo, su politica, lavoro, globaizzazione, diseguaglianze.

Annunci

0 Responses to “Lavorare meno, lavorare tutti”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Archivi

Categorie

Blog Stats

  • 42,631 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: